01.05.16 
Kinaesthetics nell'Assistenza

Da anni molte istituzioni del Sociale e della Sanità investono nei processi formativi Kinaesthetics e con questo promuovono lo sviluppo della competenza di movimento di collaboratori e residenti. Il risultato è, che il personale assume una prospettiva dello sviluppo e gestisce il sostegno quotidiano in modo tale che la persona assistita possa ampliare le proprie competenze e diventare più autonoma.

Nella rilevazione del lavoro di cura con gli abituali sistemi di rilevazione delle prestazioni, queste istituzioni arrivano al limite delle loro possibilità. Se, ad esempio, gli operatori curanti grazie a Kinaesthetics acquisiscono la capacità di svolgere le attività di cura anche estremamente complesse da soli e senza dover sollevare, questo ha come conseguenza spesso una rilevante riduzione degli introiti sulla base della rilevazione delle prestazioni.

Per affrontare questa problematica, Kinaesthetics Svizzera, insieme all'"Institut für angewandte Pflegewissenschaft" della Scuola Universitaria Professionale di S. Gallo ed al Q-Sys (RAI) hanno lanciato un anno fa un progetto che si è potuto concludere all'inizio di questo anno. Come risultato di questo progetto è ora possibile considerare l'applicazione di Kinaesthetics nel contesto della rilevazione MDS anche nella codifica nel punto MDS G1 "ADL". Il nuovo foglio illustrativo informa riguardo alle condizioni richieste per il personale curante e per l'istituzione stessa.

Ci rallegriamo molto di queste novità e speriamo che incentivi molte istituzioni ad ancorare Kinaesthetics in modo duraturo nel proprio lavoro.

Il foglio informativo in lingua italiana seguirà non appena disponibile.

Merkblatt RAI und Kinaesthetics